Implantologia senza osso | Implantologia Zigomatica | Impianti Dentali Zigomatici

Confronto Tecniche: Zigomatici VS PterigoZigomatici

impiantizigomatici

Prima di Tutto vista la gravità atrofica dei casi trattati e da trattare, si dovrà eseguire sul paziente una Tac Cone Beam per giungere attrverso i file della stessa ad un modellino stereolitografico a grandezza naturale, del processo zigomatico del paziente, una volta ottenuto il manufatto, si intraprende lo studio vero e proprio del caso da trattare, si annotano le diverse misure e le angolazioni, si annotano le zone più ricche di residuato osseo, si eseguono prove e misure al millimetro della lunghezza del mascellare, angolazioni e prospettiva d’inseriemnto, si ricalcola la lunghezza ed il diametro dell’impianto zigomatico, si decide, quale tecnica di fresaggio utilizzare, sino a giungere ad un progetto completo e terminato, che varrà riproposto in copia sul vero paziente il giorno dell’intervento.

Video copia di un modellino stereolitografico a grandezza naturale

All’interno di queste pagine, puoi trovare le differenze tra le due tecniche implantari, ci limiteremo a farne visionare le differenze, per capire e comprendere quali le peculiarità dell’una e dell’altra, per giungere, si spera ad una corretta scelta consapevole e informata.

Alla vostra sinistra troverete le immagini della tecnica implantare tradizionale dell’IMPLANTOLOGIA ZIGOMATICA IN ROSSO, con l’inserimento frontale di 4 impianti Zigomatici.

Alla vostra sinistra, puoi visionare le immagini della nostra tecnica implantare chirurgica dell’ IMPLANTOLOGIA PTERIGOZIGOMATICA IN VERDE, con l’inserimento di 2 soli impianti Zigomatici frontali, 1 per ogni Zigomo e 2 Pterigoidei nella zona mascllare posteriore uno ad ogni angolo, (Zone ex Denti del Giudizio) per meglio sorreggere e bilanciare i carichi masticatori, sulla protesi,

Analizziamo la prima figura, come puoi visionare in questo confronto, la differenza, che salta immediatamente all’attenzione è il numero di impianti nella zona frontale del mascellare, nella figura a sinistra si vedono 4 impianti zigomatici, tutti inseriti nel frontale, 2 per ogni zigomo.

Alla tua sinistra puoi visionare la nostra tecnica dell’implantologia Pterigozigomatica, che conta solo 2 impianti zigomatici frontali, uno solo per ogni zigomo.

Cosa vuole dire questo?

Che nella parte sinistra dove abbiamo la tecnica ordinaria di Implantologia Zigomatica, lo spazio di inserimento del mascellare superiore, dove verranno inseriti 2 impianti zigomatici risulta estremamente ridotta, il clinico, dovrà progettare al millimetro l’intervento, ed inserire gli impianti, in maniera, che non incontri nervi e zone anatomiche, come il nervo faccila, il trigemino e il reticolo di vene che in quella zona portano sangue ed ossigeno, in oltre si dovrà calcolare l’inclinazione dell’inserimento degli stessi, per giungere all’apice maturando lo spazio necessario per una corretta osteosintesi tra gli stessi.

Nella parte destra della figura, utilizzando la nostra tecnica implantare Pterigozigomatica, possiamo notare uno spazio maggiore di manovra, per l’inserimento corretto del singolo impianto dentale zigomatico, questo ci offre l’opportunità di usufruire di maggior spazio per la realizzazione di una corretta osteosintesi, le zone anatomiche delicate, come i nervi e le vene, sono maggiormente individuabili e messe al riparo, in oltre non inserendo il 2 zigomatico, non ci si ritrova in rotta di collisione, con zone anatomiche che sarebbe meglio non intercettare.

In questa immagine, possiamo confrontare le 2 diverse tecniche di lato e capire bene, la posizione degli impianti dentali, dove sono realmente ancorati e la fuoriuscita dei loro apici, per valutare realmente la differenza.

Nell’immagine di profilo si evince, che con la tecnica zigomatica alla vostra sinistra i 4 impianti dentali, risultano a coppia ancorati agli zigomi, fuoriuscendo sul palato con gli apici, che risultano estremamente sbilanciati sulla zona frontale del mascellare, non possedendo, nessun contrappeso nella zona posteriore del mascellare.

Nella parte destra con la nostra tecnica dello Pterigozigomatica, possiamo vedere, che l’impianto zigomatico, ancorato sullo zigomo, fuoriesce nel palato frontalmente in zona crestale, l’impianto dentale pterigoideo, ancorato nell’ osso Palatino/Pterigoideo detto basale che non si consuma, fuoriesca con il suo apice, posteriormente bilanciando i carichi masticatori sulla protesi dentale.

Infine, nell’immagine, che raffigura il cranio orizzontale, possiamo meglio comprendere visionando realmente la posizione degli impianti dentali nel mascellare superiore, questa posizione risulta strategica, per lo spettatore, perchè mette a nudo la reale collocazione degli impianti dentali nel mascellare.

Certamente non si dovrà obbligatoriamente essere medici, per capirne le implicazioni.

Alla tua sinistra puoi visionare l’immagine con la tecnica ordinaria dell’implantologia Zigomatica con l’inserimento di 4 impianti zigomatici, tutti frontali, con 2 impianti zigomatici per ogni zigomo.

Nella raffigurazione, si evince la fuoriuscita nel palato delle parti apicali dei 4 impianti zigomatici, che sorreggeranno la protesi dentale fissa sbilancita in zona Premaxilla, mancando totalmente di pilastri nella parte posteriore del mascellare superiore, perchè non previsti nella tecnica.

Nell’immagine alla vostra destra raffigura la soluzione con la nostra tecnica dell’implantologia Pterigozigomatica, la quale, distribuisce gli impianti in maniera opposta, due frontali, con un impianto zigomatico per ogni zigomo e 2 impianti pterigoidei posteriori, uno per ogni lato. Questa soluzione, oltre che offrire, come i 4 impianti zigomatici la stabilità della protesi finale, la meglio distribuisce su tutta la superficie del mascellare, ne individua i punti strategici e organizza 4 pilastri di resistenza su di ognuno dei 4 angoli del mascellare, rilasciando sulla protesi forze, ben calcolate e distribuite con un 50%100 tra frontale e posteriore oltre che un 25%100 per ognuno degli impianti situati ad ognuno dei 4 angoli del mascellare superiore.

Questa soluzione offre

  • 1 Stabilità bilancita e distribuita
  • 2 Confort durante la masticazione
  • 3 Estetica con 14 elementi dentali – e quando risulta obbligatoria, dalla mancanza di osso anatomico, pochissima falsa gengiva.

TECNICA IMPLANTOLOGIA ZIGOMATICA 4 IMPIANTI ZIGOMATICI FRONTALI, 2 PER OGNI ZIGOMO

TECNICA IMPLANTOLOGIA PTERIGOZIGOMATICA 2 IMPIANTI ZIGOMATICI 1 PER OGNI ZIGOMO, 2 PTERIGOIDEI, 1 PER OGNI LATO POSTERIORE ZONA PALATINO/PTERIGOIDEO

Il nostro cranio possiede 3 pilastri di resistenza,

  • 1 Osso Canino
  • 2 Osso Zigomatico
  • 3 Osso Palatino/Pterigoideo

Nel corso della nostra esistenza, quando l’osso mascellare e mandibolare si consuma, per vari motivi e ragioni, detto osso alveolare, intervengono con la loro funzionalità i 3 pilastri di resistenza, che continuano a sorreggere il cranio, anche dopo, che l’osso alveolare, del mascellare e della mandibola a poco a poco nel corso dei decenni si consuma.

Queste ossa così importanti, per la continuazione della vita, di ogni individuo, anche dopo la perdita delle ossa alveolari, solo chiamate OSSA BASALI E POSSEGGONO LA CARATTERISTICA IMPORTANTISSIMA DI NON CONSUMARSI, NEL CORSO DEL TEMPO.

Per questa ragione, sono state individuate e refertate, come zone basali d’ancoraggio, dopo la pardita totale delle ossa alveolari, come ultima possibilità, l’ultima spiaggia, per chi rimasto sia edentulo che privo di osso alveolare in mascella, desideri nonostante tutto ottenere nuovamente un dentatura fissa.

Ora possiamo visionare le differenze dal vivo, sia sul piano della funzionalità, che quello estetico

Sempre alla vostra sinistra la tecnica di Impalntologia Zigomatica, alla vostra destra la nostra tecnica di Implantologia Pterigozigomatica.

Intervento con tecnica Pterigozigomatica sino a Protesi fissa

SEGUONO ALCUNI NOSTRI CASI RISOLTI CON LA NOSTRA TECNICA DELL’IMPLANTOLOGIA PTERIGOZIGOMATICA, CON SOLI 2 IMPIANTI ZIGOMATICI FRONTALI, UNO PER OGNI ZIGOMO E 2 IMPIANTI POSTERIORI, PER OGNI LATO NELLA ZONA POSTERIORE DEL MASCELLARE SUPERIORE

Continua con altri nostri casi, sempre con tecnica dello Pterigozigomatico, su pazienti, destinati ad interventi di Impalntologia Zigomatica con 4 impianti  Zigomatici.

In queste immagini puoi visionare realmente le zone di ingresso degli impianti dentali, sia zigomatici che pterigoidei e con speciali tac ne puoi apprezzare la distribuzione strategica del carico sulle protesi, che con questa tipologia di progettazione e distribuzione, possono offrire il meglio, sia sul piano del confort per il paziente durante la masticazione, che risultare estremamente naturali, sul piano estetico, riabilitando un paziente estremamente atrofico, offrendo oltre che alla stabilità il confort e l’estetica, opzioni, che sin qui’ per questa tipologia di paziente è sempre stata difficile.

Intervento Pterigozigomatico con protesi - In paziente proveniente da fallimento di caduta 6 impienti in Croazia

Se anche tù devi sottoporti all’intervento di Impianti Zigomatici, ma ora visionato e compreso la differenza, vuoi sottoporti ad implantologia con tecnica Pterigozigomatica:

Puoi chiamarci al Cell: 3887527525 anche con whatsapp

Chiama
whatsapp